Casa inagibile, ecco cosa fare con Imu e rate dei mutui

Condividi
  •  
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares

La casa è diventata inagibile e inutilizzabile, ma sull’immobile continuano a gravare Imu e rate del mutuo. Cosa succede alla posizione tributaria e bancaria del contribuente? Il proprietario dell’immobile divenuto inabitabile deve comunque corrispondere in maniera continuativa i pagamenti dell’imposta municipale, o può godere di esenzioni? E che cosa accade alle rate del mutuo?

Imu: ecco quando è previsto il dimezzamento

Iniziamo con l’occuparci dell’Imu che, stando a quanto previsto dalla legge 44/2012, può essere ridotta del 50% nella sua base imponibile per il periodo di tempo in cui permane la situazione di inagibilità o di inabitabilità, e nel caso in cui, nello stesso frangente, l’immobile non sia di fatto utilizzato, anche per uso diverso da quello abitativo.

Solamente in queste condizioni, dunque, si può arrivare a godere della riduzione del 50% della base imponibile Imu, con accertamento dello stato di salute dell’immobile a cura dell’Ufficio tecnico comunale. È comunque possibile che l’accertamento sulle condizioni di abitabilità dell’immobile possa essere effettuato anche dallo stesso contribuente con un’autocertificazione, a rischio dello stesso proprietario in caso di errate valutazioni o false affermazioni.

Ad ogni modo, nel caso in cui il contribuente decida di optare per un’autocertificazione, è bene rammentare come la dichiarazione abbia efficacia solo fiscale, e come valga anche per gli anni successivi a quello in cui viene presentata, a patto che permangano le stesse condizioni di inabitabilità o di inagibilità, e di non utilizzabilità dell’immobile.

Rate del mutuo, ecco quando si possono non pagare

Passiamo dunque alle rate del mutuo che, in linea generale, dovranno essere comunque corrisposte anche nel caso in cui l’immobile sia divenuto inagibile o inabitabile. Non mancano, comunque, le eccezioni. Si pensi, ad esempio, al fatto in cui la causa che è sottostante l’inagibilità o l’inabitabilità dell’immobile sia da ricercarsi altresì in una delle cause di sospensione delle rate del mutuo: in questo caso il mutuatario potrà ben ricorrere a tale eventualità che, però, servirà solo a posticipare in futuro il proprio impegno attuale.

Per poter arrivare a una estinzione almeno parziale del mutuo, bisognerà invece percorrere altre strade. In primo luogo, il mutuatario potrà cercare di capire se l’immobile divenuto inutilizzabile fosse o meno assicurato contro gli eventi che ne hanno determinato tale condizione: se così fosse, potrebbe contare su un supporto attivo da parte della compagnia assicurativa.

Ancora, il mutuatario potrebbe cercare un accordo individuare con il proprio istituto di credito, per poter rimodulare il proprio impegno debitorio, o ridurlo. L’esito di una simile negoziazione nei confronti della banca non è scontato, ma è probabile che l’istituto di credito abbia l’interesse a cercare una soluzione condivisa che possa permettere che non venga completamente erosa la propria garanzia ipotecaria.

Se invece l’inagibilità dell’immobile è frutto di un evento catastrofico come il terremoto o il crollo di qualche infrastruttura (strada, ponte, ecc.), è possibile che siano le stesse banche (singolarmente, o come ABI) a proporre unilateralmente delle soluzioni di maggiore beneficio.

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi essere avvisato quando ci saranno nuovi articoli?
Rispettiamo la tua privacy
Informativa Privacy

LR Immobiliare
Seguici

LR Immobiliare

Agenzia Immobiliare Roma at LR Immobiliare
La LR Immobiliare nasce da un'idea di Leonardo Raso per soddisfare le esigenze della clientela che spesso non riesce ad incontrare interlocutori seri ed affidabili nell'ambito del mercato immobiliare di Roma, con l'obiettivo di diventare uno dei punti di riferimento per gli acquirenti di immobili della Capitale e per i colleghi professionisti ispirati dagli stessi ideali di serietà e professionalità.
LR Immobiliare
Seguici

Condividi
  •  
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares