Compravendite abitazioni, dati ai massimi dal 2011

Condividi
  •  
  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    12
    Shares

Con la prestazione del quarto trimestre 2018, il mercato immobiliare residenziale italiano compie un nuovo balzo in avanti, tale da permettere all’abitativo tricolore di poter vantare un dato destagionalizzato superiore al livello di fine 2011, oltre che maggiore da tale data in avanti.

Il report OMI

Stando al report OMI sulla fine dello scorso esercizio, infatti, il quarto trimestre 2018 si è concluso con un tasso di crescita tendenziale delle compravendite residenziali pari al + 9,3%, tagliando il traguardo dei quindici trimestri consecutivi di rialzo. Disaggregando il dato complessivo per aree territoriali, emerge come la dinamica di crescita sia più marcata nel Nord Est, + 12,5%  e nel Centro, + 12,4%, mentre sia evidentemente più lenta nel Sud Italia (+ 4,3%), che pur manifesta un’accelerazione rispetto alla rilevazione precedente.

Meglio fanno inoltre i comuni capoluogo (+ 10%), rispetto a quelli non capoluogo (+ 9%) e le abitazioni di minori dimensioni (+ 10,8% quelle sotto i 50 metri quadri) rispetto a quelle maggiori: il “taglio” intermedio (tra 50 e 115 metri quadri) continua comunque ad assorbire quasi il 60% dell’intero mercato.

Nell’ambito delle sole otto grandi città per dimensione, alla media del 9,7% tendenziale fanno eco le ottime prestazioni di Bologna (+ 20,9%) e di Palermo (+ 18,5%), mentre Roma e Milano condividono un’accelerazione rispetto al trimestre precedente, rispettivamente a + 10,9% e + 9,5%.

Il sondaggio congiunturale

Stando poi alle valutazioni condotte all’interno del Sondaggio congiunturale condotto dallo stesso OMI con Bankitalia e Tecnoborsa, la quota di agenti immobiliari che ha segnalato pressioni al ribasso sulle quotazioni degli immobili è tornata a crescere al 17,5% (Ex 16,3%) mentre è di contro scesa la quota di coloro che affermano che i prezzi sono stabili (da 79,7% a 81,7%).

Sempre in riferimento al comportamento degli agenti immobiliari, la quota di agenzie che ha affermato di aver venduto almeno un’abitazione è scesa al 77,9% contro l’80,2% della precedente rilevazione, mentre la differenza tra la quota di agenti che ha riportato un incremento dei potenziali acquirenti e quella che invece ha segnalato la diminuzione rimane negativa, ma per -1,1 punti, contro i -1,8 punti della precedente rilevazione. Le attese degli agenti sul proprio mercato di riferimento rimangono stazionarie, mentre peggiorano – pur rimanendo favorevoli – quelle sul mercato nazionale.

Si annota infine come i tempi di vendita siano calati in maniera rilevante, passando da 8,2 mesi a 7,2 mesi, e come il margine di sconto sui prezzi in offerta si siano leggermente ridotto, da 10,8% a 10,5%. Bene anche il supporto creditizio: la quota di acquisti abitativi che viene finanziata da mutui cresce all’80,5%  da 78,9%, con un loan to value (cioè, il rapporto tra prestito e valore dell’immobile intorno al 74%).

Complessivamente, emerge come anche nel corso del quarto trimestre le compravendite siano aumentate in via tendenziale, con una progressione che non si arresta dal 2014, e con una nuova accelerazione rispetto al tasso tendenziale che era stato rilevato nel corso del trimestre precedente, in aggiunta a un buon coinvolgimento in tutte le macro aree territoriali italiane, comprese le grandi città.

Ti è piaciuto questo articolo?
Vuoi essere avvisato quando ci saranno nuovi articoli?
Rispettiamo la tua privacy
Informativa Privacy
Seguici

LR Immobiliare

Agenzia Immobiliare Roma at LR Immobiliare
La LR Immobiliare nasce da un'idea di Leonardo Raso per soddisfare le esigenze della clientela che spesso non riesce ad incontrare interlocutori seri ed affidabili nell'ambito del mercato immobiliare di Roma, con l'obiettivo di diventare uno dei punti di riferimento per gli acquirenti di immobili della Capitale e per i colleghi professionisti ispirati dagli stessi ideali di serietà e professionalità.
LR Immobiliare
Seguici

Condividi
  •  
  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    12
    Shares